YouTube Facebook
Il Sogno di Keribe

Music from Keribe

I mondi “altri”, in particolare quando si mescolano al mito, si prestano a ibridazioni tra linguaggio scritto e linguaggio musicale. Era così nella tradizione classica degli Aedi greci e lo è stato nei secoli successivi per bardi, trovatori e compositori classici, fino ad arrivare a generi musicali contemporanei, per quanto di nicchia come il metal.

Questo legame è stato riconosciuto dagli stessi autori, come dimostrano le canzoni elfiche incluse da Tolkien nel Signore degli Anelli o da Martin nei primi volumi delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, solo per citare gli esempi più noti. In verità, non esiste mondo, reale o immaginato, che sia privo di musica, balli e canti, semplicemente perché non esiste mondo che possa essere vissuto senza la molteplicità delle esperienze sensoriali.

Da qui nasce Music From Keribe, la volontà di dare un suono e una melodia al mondo creato da Ilaria De Togni, di generare arti e culture di un mondo immaginato. Keribe è una dimensione onirica in cui corpo e spirito convivono in un delicato equilibrio, ma è anche un mondo lacerato da conflitti e paradossi, sull’orlo di una spaventosa guerra. Music From Keribe vuole esportare i suoni di questa realtà onirica per affiancarli alle parole del romanzo, perché possa essere vissuto in una nuova dimensione sensoriale. Questo è stato reso possibile dall’impegno dell’autrice, Ilaria De Togni, dal lavoro del musicista sperimentale Alessandro Lucatello (Jun), che ha realizzato la colonna sonora del booktrailer e le tracce ispirate ai Confini, e del violoncellista Edoardo Francescon. Il progetto è ancora in divenire e nuove collaborazioni nasceranno nei prossimi mesi.


Copyright 2016 | Keribe World Gargoyle